Cosa vuol dire Psicomotricità?

La psicomotricità si occupa dei rapporti e delle influenze tra mente,  corpo e affetti,
considerando l’uomo nella sua  unità psico corporea.



Che cosa si fa in psicomotricità?

La Psicomotricità valorizza  l’esperienza corporea  che è alla base dello sviluppo dell’identità. Si fanno quindi giochi e attività che coinvolgono la persona nella sua globalità. 

La relazione di aiuto è mediata dal corpo (luogo di psiche e soma) e dalle sue funzioni tonico-emozionale e motoria, ed è in questo contesto che viene promosso il graduale cambiamento verso il benessere psico-corporeo.

La psicomotricità è solo per i bambini? 

No. La Psicomotricità riguarda tutti e aiuta a comprendere l’uomo in relazione a sè stesso e all’ambiente.

Quali sono i disturbi psicomotori? 

Sono disturbi che pur non avendo una causa organica hanno manifestazioni corporee
( Dr. Ajuriaguerra). Ad esempio:   tensione psico-corporea, alcuni disturbi del sonno, impaccio motorio, disprassia, disordini dello schema corporeo e dell'immagine corporea, disordine spazio-temporale, inibizione psicomotoria, instabilità psicomotoria (agitazione), alcuni disturbi del comportamento, disgrafia, alcune difficoltà di apprendimento scolastico, disarmonie toniche ed emozionali, ritardi motori, difficoltà di attenzione e percezione, balbuzie e tic, disturbi della comunicazione, disturbi legati ai processi di invecchiamento....